Laura-Boldrini-adnkronos-09062018-670x274.jpg

Migranti, la Boldrini anti-italiana spera nella Ue: «Punite chi non accoglie»

Quando c’è da prendere una posizione anti-italiana Laura Bodrini è la portabandiera, te la ritrovi contro puntuale come al solito. E minacciosa.

Sulla question migranti e la linea ferma di Salvini, oltre ad essere un vulcano di insulti, dice la sua. In singolare alternanza con il presidente della Camera, Roberto Fico, la Boldrini gli fa eco sull’opportunità delle sanzioni agli Stati che non accolgono i migranti. Da italiana si augura sanzioni all’Italia, se in italia c’è Salvini al ministero dell’interno. Inqualificabile. «Chi fugge dalle guerre e dalle persecuzioni non ha null’altro con se che il sogno di una vita sicura. Non solo l’Italia e la Grecia ma tutti gli Stati europei si facciano carico dell’accoglienza. Per chi si rifiuta, giuste le sanzioni #Ue #GiornataMondialeDelRifugiato”. Capito Salvini? Lo scrive su Twitter Laura Boldrini di Leu, facendo minacciosamente emergere che se la linea del governo proseguirà e ci procurerà delle sanzioni, ci starà più che bene. Sarà colpa di Salvini e del nuovo governo Conte. Dopo le minacce della Ue a Viktor Orban, uno dei politici di riferimento in Europa per la fermezza sulla difesa dei confini nazionali, a cui si è accodato Fico, ora è la volta di Salvini. Per lei il nemico è lui e non si rende conto che il suo atteggiamento condiviso da un sparuta schiera di buonisti alla Saviano è sempre più minoritaria e patetica, stando ai sondaggi ma soprattutto alle motivazioni addotte. L’Italia si è assunta carichi e oneri superiori alle proprie possibilità, al punto che anche la Cei e il Papa arrivano a dichiarare che il nostro paese non venga lascito solo su unna questione su cui grazie a questo governo stiamo ottenendo un po’ dichiarezza. Ma poi arriva lei, l’antiitaliana Boldrini ad ad avallare eventuali multe – che sarebbero immorali- all’Italia da parte della Ue.

Contact

  • Phone:

    02-5748962

  • E-Mail:

    This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Social